APPUNTAMENTO

Il tweet del Papa

Mons. Paul Tighe a Vicenza per una serata su "Chiesa e nuovi media"


Mercoledì 2 aprile 2014 l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Vicenza avrà un ospite di eccezione. Mons. Paul Tighe, Segretario del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali, interverrà sul tema “Il tweet del Papa: Chiesa e nuovi media”.

Mons. Tighe è un sacerdote irlandese della diocesi di Dublino, che dal 2007 è stato chiamato a lavorare nell’ambito della comunicazione per la Santa Sede. Fin da quando papa Benedetto XVI decise una propria presenza su Twitter (sospesa durante la Sede vacante e poi immediatamente ripresa da papa Francesco), mons. Tighe si è occupato del profilo del pontefice sul noto social network.

Recentemente Papa Francesco ha superato gli 8 milioni di followers nel mondo, collocandosi così al secondo posto come personaggio più seguito su scala mondiale dopo il presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Ma il dato più significativo, mette in luce mons. Tighe “non è tanto il numero di followers, ma il fatto che questi condividano i tweets del papa in una percentuale altissima creando così via in una catena incredibile e facendo sì che cresca a dismisura il numero delle persone che ricevono i messaggi del papa”.

Rispetto ai media tradizionali, la rete offre infatti la possibilità di una comunicazione orizzontale e paritaria che si rivela molto efficace nella trasmissione della fede. Fin dall’inizio il messaggio cristiano si è diffuso infatti soprattutto attraverso le relazioni interpersonali, un “passaparola” che è tipico oggi del mondo dei social network”.

“I tweets del papa – continua mons. Tighe – spesso provocano anche delle discussioni e dei commenti a livello dottrinale o pastorale ed è importante l’impegno di quei credenti che si mettono in dialogo con quanti vogliano approfondire le tematiche in modo partecipativo e interattivo”. Non mancano anche le contestazioni o, a volte, perfino parole di scherno o veri e propri insulti. “Fa parte del gioco – dice il Segretario del pontificio consiglio – e non dobbiamo spaventarci. Nel cammino dei nuovi media noi Cristiani siamo Pellegrini con il resto della gente. Papa Francesco suggeriva di non correre troppo avanti, né di rimanere eccessivamente indietro, ma piuttosto di camminare insieme. Accompagniamo gli altri a incontrare Cristo con pazienza, attenzione e genuinità, assumendoci la responsabilità della relazione, entrando nella cultura dell’interlocutore e nel suo linguaggio, parlando di fede in maniera sincera e con verità”.

L’incontro, promosso dall’ISSR “Arnoldo Onisto”, dall’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi e dall’Unione Cattolica Stampa Vicentina, sarà introdotto e moderato dai giornalisti Giandomenico Cortese e Karemi Furlani ed è aperto a tutti.

L’appuntamento è per mercoledì 2 aprile alle 20.30 nell’Aula Magna del Centro Diocesano “A. Onisto” in Borgo Santa Lucia 51 a Vicenza.